29 giugno 2017

Recupero Crediti

Offriamo alle Imprese un servizio di controllo e monitoraggio del credito direttamente presso l’Azienda Cliente, che in questo modo viene sgravata dall’onere degli adempimenti preliminari all’azione giudiziale di recupero del credito medesimo (predisposizione e aggiornamento di uno scadenziario dei crediti, lettere di sollecito per crediti insoluti ad una certa data, valutazione della possibilità di un accordo stragiudiziale con il debitore onde evitare la procedura monitoria e l’aggravamento sul nostro Cliente di spese accessorie o dilatazione illo tempore dell’incasso del proprio credito).

L’eventuale azione giudiziale parte con la messa in mora del cliente, dopo aver esperito ogni tentativo di conciliazione bonaria anche a mezzo di piani di rientro, quindi con la diffida legale.

Avviamo le procedure per l’avvio del contenzioso mediante ricorso per decreto ingiuntivo fino alle azioni esecutive mobiliari o immobiliari mediante anche l’attente valutazione di convenienza economica per il nostro cliente e facendo riferimento allo stato di solvibilità del debitore o alle possibilità effettive di recupero del credito in tempi ragionevoli.

 

L’attività di recupero credito parte direttamente presso il nostro Cliente mediante la presenza di un nostro collaboratore che settimanalmente procede ad elaborare lo scadenziario dei crediti scaduti e provvede, secondo il regolamento interno e la policy aziendale, a sollecitare le fatture scadute e le RIBA insolute.

Parte così il processo di monitoraggio dei crediti mediante aggiornamento settimanale dello scadenziario delle fatture scadute.

Vengono poi definite con l’Azienda Cliente le modalità e le tipologie di intervento per non compromettere l’importanza del rapporto commerciale. Anzi con la nostra esperienza abbiamo notato che il monitoraggio e l’attività costante di sollecito delle fatture scadute aumenta la fidelizzazione. La prima fase viene quindi gestita in totale armonia del rapporto cliente-fornitore.

Segue poi la fase dei solleciti e degli avvisi di mora con le tempistiche stabilite con l’Azienda nostra Cliente.

Successivamente alla diffida legale può seguire una contrattualizzazione di un piano di rientro oppure la presentazione di un ricorso per decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo.

Successivamente all’ottenimento seguono le azioni esecutive più opportune.

La nostra esperienza, mediante l’azione di monitoraggio settimanale e non solamente “spot” sulla fattura ormai scaduta da diverso tempo, porta alla diminuzione del contenzioso commerciale di circa il 30% mediamente, alla diminuzione dei tempi di incasso di circa 30 giorni, alla diminuzione degli oneri finanziari legati all’esposizione bancaria dovuta proprio al mancato incasso, ad una diminuzione dei costi e degli oneri legali.

 

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA