Oneri deducibili 730 – UNICO

CONTRIBUTI PREVIDENZIALI

Contributi previdenziali versati a gestioni separate da particolari categorie di soggetti (farmacisti, medici, etc..
Contributi previdenziali obbligatori (es. IVS, contributi professionisti, etc
Ricongiunzione periodi assicurativi
Riscatto anni di laurea e servizio militare
Contributi previdenziali volontari versati all’ente pensionistico di appartenenza
Contributi agricoli unificati versati all’INPS gestione ex SCAU
Ricevute bancarie o postali relative ai versamenti eseguiti.
Contributi previdenziali versati alla gestione separata INPS e all’INAIL ove previsto, trattenuti dal cliente.
Certificazione del sostituto che attesti il versamento alla gestione separata INPS e all’INAIL per le quote a carico del lavoratore (deducibile per 1/3 per lav autonomi e 45% per associati in partecipazione)
Contributi di previdenza complementare (fondi pensione).
Modello CU2016
Ricevuta di versamento dei contributi
– Assegno periodico per il mantenimento dell’ex coniuge (no unica soluzione);
– arretrati (anche in unica soluzione) integrativi di assegni corrisposti in anni precedenti;
– adeguamento istat solo se indicato in sentenza
1) Sentenza di separazione o divorzio per prendere visione della somma riportata sull’atto
2) Bonifici o ricevute rilasciate dal soggetto che ha percepito la somma per verificare gli importi effettivamente versati
Contributi previdenziali e assistenziali versati per colf, baby-sitter e badanti per la quota a carico del datore di lavoro
Ricevute di pagamento con c/c postale o MAV del 2015 complete della parte informativa sul rapporto di lavoro domestico.
Nel Caso di pagamenti a mezzo voucher:
Ricevute di versamento relative all’acquisto dei buoni lavoro,
copia dei buoni lavoro consegnati al prestatore, se cartacei
documentazione attestante la comunicazione all’INPS dell’avvenuto utilizzo dei buoni lavoro (se voucher telematico),
Erogazioni liberali in favore di:
– Istituto centrale per il sostentamento del clero
– Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno
– Ente morale Assemblee di Dio in Italia
– Chiesa Evangelica Valdese, Unione delle Chiese metodiste e valdesi
– Unione Cristiana Evangelica Battista d’Italia
– Chiesa Evangelica Luterana in Italia e Comunità a essa collegate
– Unione delle Comunità ebraiche italiane
– Sacra arcidiocesi ortodossa d’Italia ed Esarcato per l’Europa Meridionale
– Ente patrimoniale della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli ultimi giorni
– Chiesa Apostolica in Italia
– Unione Buddhista Italiana
– Unione Induista Italiana
Documentazione comprovante il versamento (bollettini, ricevute, ricevute bancomat o carte di credito )
SPESE PER ASSISTENZA PERSONE CON DISABILITA’
Spese mediche generiche:
– prestazioni rese da un medico generico
– acquisto di medicinali
Spese di assistenza specifica
(assistenza infermieristica, assistenza diretta alla persona, educatori professionali, ecc.)
Ippoterapia e musicoterapia
Ricoveri in istituti di assistenza
Fattura del medico
Scontrino parlante per l’acquisto dei farmaci
Per le spese di assistenza specifica:
Fattura o ricevuta fiscale rilasciata dal soggetto che ha erogato la prestazione attestante che si tratta di assistenza medica o paramedica o fattura della casa di cura e ricovero.
Certificazione relativa al riconoscimento dell’handicap, ovvero autocertificazione che attesti la sussistenza dell’handicap;
Per l’ippoterapia e musicoterapia:
prescrizione medica
Fattura o ricevuta fiscale rilasciata dal centro specializzato
Contributi versati ai fondi integrativi del Servizio sanitario nazionale
Ricevute dei bonifici bancari o postali o quietanze rilasciate dall’ente per versamenti effettuati direttamente in contanti o in assegni.
contributi, le donazioni e le oblazioni erogate alle organizzazioni non governative
erogazioni liberali in denaro o in natura a favore di:
– ONLUS
– associazioni di promozione sociale
– fondazioni e associazioni riconosciute aventi per oggetto statutario la tutela, la promozione e la valorizzazione dei beni di interesse artistico, storico e paesaggistico o lo svolgimento o la promozione di attività di ricerca scientifica, individuate dal D.P.C.M. 15 aprile 2011 e dal D.P.C.M. 18 aprile 2013 (es. AIRC, Telethon)
erogazioni liberali in denaro a favore di:
– università e fondazioni universitarie;
– istituzioni universitarie pubbliche;
– aziende ospedaliere universitarie
– enti di ricerca pubblici ed enti di ricerca vigilati dal ministero dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca, compresi l’Istituto superiore di sanità e l’Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro (compresi gli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, sia pubblici che privati se rientranti tra gli enti pubblici di ricerca )
– enti parco regionali e nazionali;
1) Bonifico bancario o postale, Bancomat, carte di credito, carte prepagate, assegni bancari e circolari.
2) Ricevuta del versamento rilasciata dall’Ente beneficiario nella quale risulti la modalità di versamento utilizzata.
Assegni periodici corrisposti a terzi a seguito di:
a) testamento
b) atto di donazione
c) provvedimento dell’aut. Giudiziaria che preveda l’erogazione di assegni alimentari a familiari
Bonifici ovvero ricevute rilasciate dal soggetto che ha ricevuto la somma
a) canoni, livelli, censi
b) oneri gravanti sul reddito degli immobili
c) contributi dovuti per legge o versati in dipendenza di provvedimento della pubblica amministrazione (es. contributi a consorzi di bonifica purché l’immobile non sia regolato da cedolare secca)
Ricevute, bollettini postali che attestino il pagamento
Indennità per perdita dell’avviamento
Bonifico ovvero ricevuta rilasciata dal soggetto che ha ricevuto la somma.
Erogazioni liberali per oneri difensivi dei soggetti che fruiscono del gratuito patrocinio
Ricevuta relativa al versamento effettuato
Spese relative all’adozione di minori stranieri:
– oneri relativi all’assistenza ricevuta dagli adottanti,
– alla legalizzazione dei documenti ed alla traduzione degli stessi,
– alla richiesta dei visti,
– ai trasferimenti ed al soggiorno nel Paese di provenienza del minore,
– alla quota associativa dovuta all’ente che si è occupato delle pratiche,
– all’espletamento degli adempimenti necessari alla pratica di adozione.
Certificazione dell’ammontare complessivo della spesa da parte dell’ente autorizzato che ha ricevuto l’incarico di curare la procedura di adozione
Canoni di locazione di immobili adibiti ad abitazione principale, stipulati o rinnovati
in forma libera ai sensi della Legge n. 431/1998,
in base all’articolo 2, comma 3, e all’articolo 4, commi 2 e 3, della Legge 431/1998 (a canone convenzionale
per i giovani con età compresa fra i 20 e 30 anni
1) Contratto di locazione registrato;
2) autocertificazione nella quale si attesti che l’immobile è utilizzato come abitazione principale.
Contratto di locazione di qualsiasi tipo stipulato dal contribuente a seguito di trasferimento della residenza per motivi di lavoro purché la nuova residenza sia ubicata a non meno di 100 Km dal precedente comune e comunque al di fuori della propria regione.
1) Contratto di locazione registrato;
2) Contratto di lavoro dipendente ovvero lettera di assunzione;
3) Autocertificazione nella quale si attesti che l’immobile è utilizzato come abitazione principale e che risultano rispettate tutte le condizioni previste per beneficiare della detrazione.

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA